Le scuole svizzere all'estero

La rete delle scuole svizzere all’estero comprende oggi 17 scuole: 5 in Italia, 3 in Messico, 2 in Spagna, 5 in Sudamerica e 2 nel Sud-est asiatico. Le scuole vengono ufficialmente supportate dalla Svizzera. Le sovvenzioni sono regolamentate in una legge della Confederazione completamente rielaborata che entrerà in vigore in via definitiva dal 1° gennaio 2015. Tutte le scuole sono giuridicamente e finanziariamente indipendenti; sono quindi a tutti gli effetti scuole private.
Le scuole svizzere all’estero furono tutte fondate su iniziativa di comunità di cittadini svizzeri e sono ancor oggi, nei vari Paesi, da queste rette e gestite attraverso un Consiglio d’Istituto i cui membri si mettono a disposizione a titolo gratuito. Le scuole sono gestite operativamente da direttori scolastici svizzeri.

logo-educationsuisse

Tutte le 17 scuole svizzere sono collegate tramite “educationsuisse”, un’associazione che ha sede a Berna e che in passato si chiamava “Comitato per le Scuole Svizzere all’Estero”. Essa rappresenta e tutela gli interessi delle scuole e ne supporta le adempienze burocratiche, oltre a organizzare l’annuale conferenza in cui i rappresentanti delle varie scuole sparse nel mondo hanno occasione di confrontarsi.

Nel 2011 le scuole svizzere all’estero riconosciute dalla Confederazione Elvetica hanno ottenuto un sigillo di qualità.

BAK_Zusatz_01_Medium

Cosa ha di così speciale una scuola svizzera? Nella nostra scuola parliamo molto di “swissness” e cerchiamo di definirla e applicarla nella quotidianità scolastica.
Per voi cosa è “swissness”?
Per noi sono sostanzialmente quei valori che hanno plasmato la Svizzera in questo e nel secolo scorso e l’hanno portata a essere ciò che è oggi: un piccolo, efficiente Paese da cui continuamente nascono prestazioni straordinarie nei più svariati campi. A questi valori appartengono anche “stereotipi” quali la puntualità, la precisione, l’onestà, l’amore per il dettaglio e la qualità dei prodotti o dei servizi offerti. La pedagogia svizzera, l’organizzazione e l’impostazione didattica delle lezioni sono un ulteriore elemento di “swissness”.
Alla Scuola Svizzera di Bergamo cerchiamo di realizzare tutti questi elementi, incorporandoli nella quotidianità scolastica. Inoltre, siamo una scuola d’incontro in cui due culture, quella svizzera e quella italiana, si uniscono e traggono entrambe profitto dalle loro diverse specificità.
La Svizzera è abituata ad avere a che fare con culture diverse: in un Paese piccolo con poco più di 8 milioni di abitanti coesistono ben quattro lingue ufficiali. Tutti gli alunni svizzeri imparano almeno tre lingue durante il periodo della scuola dell’obbligo e possono così comunicare nel mondo.
Questa convivenza di culture con l’aggiunta di “swissness” è possibile solo attraverso la grande varietà del nostro corpo docente, proveniente da Svizzera, Italia, Germania, Francia, Gran Bretagna e Spagna. Il processo di apprendimento è supportato da materiale scolastico svizzero, libri nelle diverse lingue, giocattoli provenienti dalla Svizzera ecc., e annualmente offriamo stage a studenti di pedagogia svizzeri.
Molte attività tradizionali della nostra scuola come la settimana culturale in Svizzera, le giornate dello sport (in collaborazione con la Scuola Svizzera di Milano), la sfilata delle lanterne, la festa di San Nicola e il bazar natalizio hanno radici svizzere. La festa di Halloween non ne fa parte, ma anche questa è segno della multiculturalità della nostra scuola. L’elenco non termina qui, ma ciò che conta è che la Scuola Svizzera di Bergamo da oltre 120 anni resta fedele ai suoi valori e alle sue radici e contemporaneamente assimila i nuovi orientamenti didattici e le più moderne metodologie di insegnamento.