©Marin-Forcella_Scuola svizzera-0067

Oggi, 22 aprile, tutto il mondo si unisce in un gesto di sostenibilità e amore verso il Pianeta: è la Giornata della Terra.

Anche la Scuola Svizzera di Bergamo, con tutta la sua comunità, sceglie di partecipare ad un progetto green, creato in collaborazione con il Gruppo Rexel – leader mondiale nelle elettroforniture e ingrosso di materiale elettrico, apparecchiature per domotica, cablaggi e illuminotecnica – e coordinato grazie all’appoggio di Marcello Azzola, in rappresentanza dell’azienda, nonché padre di una delle nostre alunne.

©Marin-Forcella_Scuola svizzera-7407

In occasione della Giornata internazionale della Terra, la Scuola Svizzera di Bergamo è sede di un importante evento sostenibile, che si concretizza nella donazione e nell’installazione di un bellissimo ulivo all’interno del giardino dell’Istituto, in corrispondenza dell’entrata di via Bossi. Simbolo per eccellenza di pace, la nuova pianta rappresenta – oggi più che mai – un importante insegnamento anche per le future generazioni, che si trovano ad affrontare uno dei periodi più bui della nostra epoca. Pace, dunque, ma anche amicizia, fratellanza, amore – e attenzione, verso l’ambiente e verso il prossimo.

<<L’ulivo – installato nei pressi dell’area accoglienza della Scuola – è destinato a diventare il simbolo della nostra comunità>> racconta il direttore Jonathan Rosa. <<Grazie alla speciale collaborazione con il Gruppo Rexel, abbiamo potuto insegnare ai bambini una nuova lezione, focalizzata sull’attenzione all’ambiente e sulla sostenibilità.>>

<<Con il corpo insegnanti – continua il direttore – anche i bambini più piccoli stanno seguendo attività formative sul tema, perché possano già comprendere l’importanza della salvaguardia dell’ambiente con piccoli gesti quotidiani che loro stessi possano portare avanti, anche oltre alla ricorrenza del 22 aprile.

Viviamo in un mondo in continuo mutamento, quindi il bisogno di un’educazione che si evolva è più importante che mai. Mentre nessuno può prevedere il futuro, in un ambiente sempre più guidato dal progresso scientifico, dobbiamo coltivare abilità intrinsecamente umane come la creatività, l’intuizione e le abilità sociali interpersonali, per attivare un rapporto consapevole e non sottomesso con la tecnologia.>>

Ecco perché la SSBG incoraggia gli alunni a sviluppare l’autonomia, il senso di responsabilità, le competenze relazionali, il pensiero critico, mettendo valori come il rispetto, la solidarietà e la tolleranza – e, in occasioni come quella odierna, anche la sostenibilità – al centro del lavoro educativo.

©Marin-Forcella_Scuola svizzera-0051

Presente all’inaugurazione, in rappresentanza del Gruppo Rexel, anche Marcello Azzola – insieme a due colleghi del reparto marketing. <<Da sempre il Gruppo dà importante peso all’aspetto green, anche in virtù dei dati mondiali odierni, che sono sempre più preoccupanti, ricorda Azzola. <<La filiale Rexel di ogni paese è tenuta, ogni anno, ad attivarsi con progetti sostenibili. In Portogallo, ad esempio, ogni punto vendita del Gruppo ha piantato un pino mentre in Germania, Rexel ha ridato vita ad una porzione della Foresta Nera con una serie di arbusti.>>

<<Qui a Bergamo – continua Azzola – abbiamo scelto di destinare i fondi del nostro progetto green alla Scuola Svizzera di Bergamo. Un gesto concreto e tangibile, che possa anche insegnare alle nuove generazioni un importante messaggio di rispetto, di cura e di sostenibilità.>>

Altre Attività

image005 (1)
Le opere di Bruno Bozzetto alla SSBG
20220114_105139
La musica crea i presupposti per l’amicizia e il rispetto: intervista a Oliviero Biella
734faf42e5b2415ab1c2c794169d4f22-img13
Conoscete la storia del pianoforte della SSBG?